Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : Blog di Danyteacher
  • Blog di Danyteacher
  • : Descrivo spesso rimedi naturali per risolvere piccoli problemi, mi interesso anche di economia, diritto e scienze della finanza.Offro informazioni relative alla scuola, alle lingue straniere, la letteratura italiana e straniera e notizie su i grandi scrittori. Mi occupo anche di viaggi e film
  • Contatti
7 dicembre 2011 3 07 /12 /dicembre /2011 18:15

I titoli di debito sono dei prestiti contratti dalla Stato , da enti o da società nei confronti di risparmiatori con il fine di far fronte alle esigenze finanziarie di breve, medio e lungo periodo. I titoli di debito sono o titoli di Stato, titoli emessi da enti territoriali come Comuni, Regioni eccetera, e obbligazioni. Queste ultime sono emesse dalla società di capitali. L'importo complessivo di ogni prestito viene denominato valore nominale totale. Questo valore viene suddiviso in tante quote di identico valore da collocare presso i risparmiatori. Ogni quota rappresenta una parte in cui è suddiviso il prestitoe conferisce ai possessori gli stessi diritti.

Pertanto il valore nominale unitario di un'obbligazione viene calcolato dividendo il valore nominale totale del prestito obbligazionario per il numero delle obbligazioni emesse.

Per collocare un prestito obbligazionario si ricorre ad aste riservate alle banche e agli altri operatori autorizzati come le società finanziarie, oppure mediante pubblica sottoscrizione. Con quest'ultimo metodo gli enti emittenti si rivolgono direttamente ai risparmiatori mediante avvisi e comunicati con i quali vengono date tutte le informazioni tecniche dei titoli offerti, specificando il loro tasso, il prezzo di emissione, la durata, il godimento eccetera.

I risparmiatori possono prenotare i titoli presso le banche. Le obbligazioni sociali vengono invece collocate mediante aggiudicazioni a un sindacato bancario o meglio i titoli vengono ceduti a un gruppo di banche incaricate al collocamento dei titoli  fra i risparmiatori dietro il compenso di commissioni.

Il valore nominale più differire dal prezzo di emissione , quest'ultimo rappresenta l'importo che i sottoscittori versano alla società emittente nel momento in cui sono offerti sul mercato.

il prezzo di emissione può essere inferiore al valore nominale, pertanto si dice che il titolo è emesso sotto la pari, oppure il prezzo di emissione può risultare uguale al valore nominale, in questo caso si dice che il titolo è emesso alla pari. Mentre se il prezzo di emissione è superiore al valore nominale si dice che il titolo è emesso sopra la pari.

I titoli attribuiscono ai proprietari il diritto di riscuotere interessi sul capitale prestato e di ottenere il rimborso del capitale investito alla scadenza del titolo.

Il risparmiatore riscuote gli interessi a scadenze stabilite e periodiche che vengono definite date di godimento che rappresentano  il giorno a partire dal quale il risparmiatore inizia a  maturare il diritto agli interessi sul capitale investito.

Il risparmiatore èin grado di sapere l'importo degli interessi da riscuote alle date di godimento quando sottoscrivere obbligazioni a tasso fisso o le obbligazioni zero coupon

Le prime obbligazioni hanno un tasso che resta invariato sino alla scadenza del titolo e le date di godimento possono essere annuali, semestrali o trimestrali, mentre le seconde obbligazioni definite anche obbligazioni a cedole zero o di puro sconto, il cui interesse, essendo senza cedola, deriva dalla differenza tra il valore che viene rimborsato alla scadenza e il prezzo pagato al momento della sottoscrizione.

Alla scadenza le obbligazioni vengono rimborsate e generalmente al valore nominale. Può anche verificarsi un rimborso sopra alla pari, in questo caso il rendimento effettivo dell'investimento è superiore al tasso di interesse nominale del prestito.

 

Condividi post

Repost 0
Published by danyteacher - in Acquisti e Investimenti
scrivi un commento

commenti