Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : Blog di Danyteacher
  • Blog di Danyteacher
  • : Descrivo spesso rimedi naturali per risolvere piccoli problemi, mi interesso anche di economia, diritto e scienze della finanza.Offro informazioni relative alla scuola, alle lingue straniere, la letteratura italiana e straniera e notizie su i grandi scrittori. Mi occupo anche di viaggi e film
  • Contatti
27 ottobre 2011 4 27 /10 /ottobre /2011 21:28

ursina.jpgLa cistite rappresenta un'infiammazione della vescica che si manifesta con stimoli frequenti a urinare, spesso con fitte dolorose e alquanto fastidiose. Molte volte compare all'improvviso in forma acuta con un urgente stimolo a urinare che non sempre viene seguito da una sufficiente emissione di urina, inoltre è accompagnato, quasi sempre,  da un dolore alla parte bassa del ventre e anche dell'orifizio uretrale.

Se la cistite viene trascurata può diventare cronica. Le cause della cistite sono molteplici e nella maggior parte dei casi è dovuta ad una infiammazione causata da batteri, spesso dovuti ad una scarsa igiene locale. Ma anche la stipsi e lo stress psicofisico possono dare origine ad attacchi di cistite.

Dopo aver consultato il proprio medico si può ricorrere alle proprietà antibatteriche e antiinfiammatorie che si possono riscontrare in numerose piante, tra le quale l'uva ursina, l'erica, l'echinacea, la malva, la calendula e molte altre.

L'uva ursina contiene principi attivi utili per trattare le infiammazioni dell'apparato urinario soprattutto quando ci sono dei batteri. Le foglie di uva ursina ha principi attivi che svolgono una azione antisettica sulle mucose della vie urinarie arrivando a sconfiggere la cistite.

L'erica stimola la diuresi, dando origine ad un vero e proprio benefico lavaggio della vescica. Ha delle  virtù calmanti e antisettiche

L'echinacea è in grado di aumentare le difese dell'organismo in caso di infezione ed inoltre ha proprietà antinfiammatoria.

Utilizzando insieme queste piante si può fare una tisana, preparata con una miscela composta da 40 grammi di foglie di uva ursina, 30 grammi di erica e 30 grammi di echinacea. Si dovrà versare una tazza di acqua bollente su un cucchiaio di questa miscela. Lasciare in infusione per circa quindici minuti, quindi filtrare  il liquido e bere tre tazze al giorno lontano di pasti.

Nel caso si è soggetti a ricorrente attacchi di cistite si potrà utilizzare l'usa ursina insieme alla verga d'oro che ha una potente azione diuretica e antinfiammatoria e la calendula che invece possiede la proprietà decongestionante.

In questo caso si deve preparare una tisana mischiando tra loro 40 grammi di foglie di uva ursina con 30 grammi di verga d'oro e 30 grammi di fiori di calendula. 

Dopo aver ben miscelato  tutti gli ingredienti si preparerà la dose da consumare durante la giornata, versando un litro di acqua bollente sopra quattro cucchiai della miscela. Si dovrà lasciare in infusione per almeno dieci-quindici minuti prima di filtrare il liquido. La bevanda andrà bevuta suddividendola durante tutta la giornata.

Se la cistite ricorrente ha origine da problemi di stipsi intestinale si deve ricorrere all'utilizzo del polline insieme ai semi e all'olio di zucca. Questi rimedi si trovano sotto forma di capsule presso le erboristerie e le farmacie. Si dovranno assumere tre capsule al giorno.

 Un altro valido aiuto contro la cistite è la malva. Questa pianta si può utilizzare sia fresca che essiccata e rappresenta un rimedio contro le infiammazioni urinarie. Si utilizza facendo una tisana, mettendo dieci foglie fresche di malva oppure un cucchiaio di malva essiccata in una tazza di acqua, si dovrò quindi far bollire per cinque minuti dal momento che l'acqua inizierà a bollire. Lasciare in infusione fino a quando il liquido si sarà intiepidito, quindi filtrare, addolcire con miele e bere due - tre tazze al gionro, lontano dai pasti.

Un altro rimedio efficace ,con azione disinfettante, per combattere la cistite è la proprolis che ha una elevata proprietà antibatterica. La propolis va presa in quattro assunzioni da 150 mg ciascuna per un totale complessivo di 600 mg al giorno. Questo rimedio è particolarmente indicato durante le vacanze o nei viaggi in quanto è di facile somministrazione.


verga.jpg

Condividi post

Repost 0
Published by danyteacher - in Rimedi
scrivi un commento

commenti