Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : Blog di Danyteacher
  • Blog di Danyteacher
  • : Descrivo spesso rimedi naturali per risolvere piccoli problemi, mi interesso anche di economia, diritto e scienze della finanza.Offro informazioni relative alla scuola, alle lingue straniere, la letteratura italiana e straniera e notizie su i grandi scrittori. Mi occupo anche di viaggi e film
  • Contatti
9 ottobre 2011 7 09 /10 /ottobre /2011 16:10

crisantemoIl colesterolo e i trigliceridi sono delle sostanze che si possono definire grassi naturalmente presenti nel corpo umano e che l'organismo è addirittura  in grado di produrre. La loro presenza può dare origine a numerosi problemi tanto più gravi quanto maggiore è la loro  quantità presente nel sangue.

Il colesterolo e i trigliceridi sono soggetti a periodiche variazioni, non solo per cause di tipo alimentare, ma anche per ritmi di vita stressanti o per variazioni ormonali.  Nei casi in cui, nonostante si stia seguento un regime alimentare povero di grassi, si continuasse a notare un aumento dei loro valori, si può prendere in considerazione una cura naturale con piante dalle proprietà disintossicanti ed epatoprotettivi.

Tra i rimedi naturali troviamo il crisantemo americano, l'olio di pesce, la lecitina di soia, l'iperico, l'artiglio del diavolo e il biancospino.

Il crisantemo americano svolge un'azione coleretica progressiva e continua che permette un deflusso fisiologico dei sali biliare oltre ad un'azione epatprotettiva che avviene attraverso un funzionamento migliorato degli enzimi epatici che vengono depurati di ogni sostanza nociva all'organismo. I suoi prinicipi attivi permettono di eliminare il colesterlo e i trigliceridi arrivando ad inibire la sintesi a livello epatico.

Per abbassare il colesterlo si può preparare una tisana composta di una miscela di piante, preparata mescolando tra loro 40 grammi di crisantemo americano, 25 grammi di foglie di combretto, 20 grammi di radice di artiglio del diavolo, 10 grammi di scorze di arancio amaro e 5 grammi di radice di zenzero.  Si deve quindi preparare un infuso versando una tazza di acqua bollente su un cucchiaio della miscela, dopo quindi minuti si filtra la tisana e se ne beve due tazze al giorno, una al mattino e una alla sera.

Quando il livello di colesterolo è legato a stati di stress, diventa utile associare alle proprietà del crisantemo americano quelle dell'iperico, del biancospino e della melissa, piante che hanno il potere di calmare il nervosimo.  Si prepara un infuso versano una tazza di acqua bollente su un cucchiaino di miscela preparata mischiando insieme un cucchiaino di ogni pianta essicate. Dopo quindici minuti si deve filtrare il liquido, addolcirlo con del miele e berne una tazza al mattino e una alla sera.

Quando il colesterolo e i trigliceridi sono in eccesso, è meglio ridurre l'apporto di alimenti ricchi di grasso e di origine animale e, quando è possibile, integrale l'alimentazione con sostanze ricche di acidi grassi polinsaturi di origine vegetale, come la soia, soprattutto quella gialla.  Questa infatti contiene una particolare sostanza, la lecitina, ricca di acidi linoleico e linolenico, o meglio grassi polinsaturi essenziali indispensabili. Le sostanze contenute nella lecitina sono in grado di legarsi al colesterolo che si accumula nel sangue favorendone lo smaltimento.

La lecitina di soia viene venduta in forma granulare oppure in capsule, nella prima forma si può aggiungere a crudo a tutti gli alimenti,mentre nella seconda sarà sufficiente deglutirla con dell'acqua, l'importante sarà assumerne una quantità giornaliera di 1,5 grammi.

Un altro valido rimedio per ridurre sia il colesterolo che i trigliceridi è l'olio di pesce. 

Gli oli contenuti in alcuni pesci, come salmone, sgombri, sardine, merluzzo eccetera sono ricchi di acidi grassi polinsaturi essenziali della serie Omega3. Questi acidi grassi hanno la capacità di agire sui rischi di malattie cardiovascolari, facendo diminuire colesterolo e triglicerdi oltre a ridurre la tendenza all'aggregazione piastrinica.  Oltre a consumare con costanza, almeno due volte a settimana questi pesci, si può ricorrere all'assunzione di olio di pesce sotto forma di capsule facilmente recuperabili sia presso le erboristerie che i supermercati.

 

Condividi post

Repost 0
Published by danyteacher - in Rimedi
scrivi un commento

commenti