Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Presentazione

  • : Blog di Danyteacher
  • Blog di Danyteacher
  • : Descrivo spesso rimedi naturali per risolvere piccoli problemi, mi interesso anche di economia, diritto e scienze della finanza.Offro informazioni relative alla scuola, alle lingue straniere, la letteratura italiana e straniera e notizie su i grandi scrittori. Mi occupo anche di viaggi e film
  • Contatti
17 agosto 2011 3 17 /08 /agosto /2011 17:36

La vendita di immobili all'estero, affinché abbia un buon esito, richiede un'organizzazione pubblicitaria attenta e precisa.

Informazioni sulla vendita di immobili all'estero

La vendita di immobili ubicati in paesi stranieri può essere organizzata in diversi modi:

1° trasferendosi direttamente nel luogo dove sono ubicati gli immobili. Ovviamente questo sistema necessita che il proprietario possa fermarsi per un certo periodo sul luogo, al fine di poter contattare le agenzie immobiliari del territorio, oppure per effettuare inserzioni gratuite o a pagamento su quotidiani locali, allo scopo di pubblicizzare al meglio l'immobile per venderlo alle migliori condizioni;

2° contattando agenzie immobiliari in Italia che siano in grado di occuparsi della vendita del bene e che abbiano contatti solidi e funzionali con agenzie del paese straniero dove è ubicato l'immobile. In questo caso deve trattarsi di agenzie serie che abbiano reali contatti con agenzie del paese straniero. Le agenzie devono essere in grado di organizzare tour sul luogo per far visitare l'immobile e devono anche offrire assistenza legale e fiscale. Queste agenzie devono avere un portale ben pubblicizzato, soprattutto con descrizioni degli immobili anche nella lingua del paese dove si trova il bene da vendere. Internet rappresenta, quindi, un potente canale di pubblicità che arriva nelle case dei possibili acquirenti, per cui l'agenzia deve essere in grado di esporre nel miglior modo le caratteristiche dell'immobile sottolineando tutte le qualità positive e fornendo immagini chiare ed esaurienti. Inoltre, l'agenzia deve sottolineare l'eventualità che il bene rappresenti uno degli investimenti all'estero;

3) si possono anche fare inserzioni gratuite o a pagamento su diversi portali, sia italiani che esteri. In questo caso gli annunci all'estero devono essere scritti nella lingua locale in modo chiaro e senza errori linguistici. Si tratta pertanto di scegliere portali più trafficati e conosciuti per essere certi che verranno letti da un gran numero di utenti. Per effettuare una scelta mirata, si consiglia di consultare le camere di commercio dei paesi dove sono ubicati gli immobili, infatti, nella maggior parte dei casi, forniscono i nominativi di siti che si occupano di questo tipo di attività commerciale.

A chi rivolgersi per vendere immobili all'estero

Per vendere le case all'estero si consiglia di consultare siti che si occupano prevalentemente di come vendere all'estero. Vale la pena controllarne alcuni:

1) Condo.com, rappresenta una vera agenzia specializzata nella vendita di appartamenti all'estero. Offre informazioni gratuite su tutti gli immobili;

2) Euroitaliadom.com, agenzia che pubblicizza non solo sul web, ma anche su riviste straniere, inoltre partecipa a fiere come International Property Show a Mosca o Domexpo International a S. Pietroburgo;

3) Propertydirectfromtheowner.com, è un sito che pubblicizza in Europa e in paesi extra europei;

4) Beattheagent, si occupa di vendita di case all'estero mostrandole con foto digitali. Offre assistenza legale e fiscale.

Ville de fr:Québec (ville) | Québec et le fr:Château Frontenac | Cpaysage tropicalmexicoPelican at Miami BeachLe Valli, Collemontanino, Pisa, Toscana (Italia)
Repost 0
Published by danyteacher - in Case e Beni immobili
scrivi un commento
30 luglio 2011 6 30 /07 /luglio /2011 12:43

La città di Milano rappresenta una delle città ideali per le imprese e per tutti coloro che vogliono svolgere attività commerciali.

Caratteristiche commerciali della città

La metropoli lombarda è la città che può essere considerata il luogo dove sviluppare il business iniziando un'attività commerciale. In questa città gli affari sono ancora attivi e funzionali, pertanto, l'inizio di una attività commerciale può essere vantaggiosa e con rischi economici limitati. La città emerge per la sua economia piuttosto solida, per il suo dinamismo e la sua elevata capacità imprenditoriale. Questi fattori possono rappresentare le motivazioni che invogliano ad aprire un'attività che richieda la ricerca di locali commerciali in affitto, in quanto l'acquisto dell'immobile potrebbe risultare troppo oneroso.

Le ragioni per sviluppare una attività a Milano sono molteplici, tra queste l'elevata opportunità di mercato, la centralità economica, la presenza di un elevato numero di clienti, la qualità del lavoro oltre alla posizione strategica nei confronti della viabilità. Prima di dedicarsi alla ricerca di local immobiliari, di capannoni, di uffici, di bar e quant'altro, si tratta di stabilire in quale zona di Milano si vuole affittare il locale, questo perché, a seconda della zona, i costi di affitto cambiano, nella zona centrale i prezzi sono maggiormente elevati rispetto alle zone meno centralizzate o periferiche.

Dove cercare annunci di locali commerciali

Leggendo gli annunci presenti sui numerosi quotidiani, si possono facilmente avere indicazioni relative ad attività in vendita, a edifici con uffici, negozi in vendita, affitti di locali, locazioni uffici e molto altro. Utilizzando internet però, si riesce ad avere un'ampia visione delle modalità per effettuare una ricerca completa e ben strutturata di locali commerciali. Infatti, per avere informazioni più specifiche e dettagliate si può accedere ad alcuni siti quali "Commerciali.it". Qui si ha la possibilità di inserire la tipologia dell'immobile che si cerca, scegliendo tra capannoni, depositi, magazzini, uffici, negozi, ristoranti eccetera, quindi, digitando la richiesta di affitto, si vedranno apparire le immagini con le relative spiegazioni e costi degli immobili disponibili sul mercato milanese.

Altro sito valido è "Affittomilano.it", anche in questo caso si digitano le richiesta sul tipo dell'immobile, sulla metratura che si cerca, il costo che si vuole sostenere e, in pochi secondi, appaiono gli immobili commerciali con le caratteristiche domandate.

Utilizzano il sito "EureKa.it" si ha un elenco aggiornato di numerose agenzie specializzate negli affitti di immobili commerciali, ma anche siti che riportano annunci di privati.

Altri siti altrettanto validi sono "Casa.it", qui si trova anche la suddivisione dei costi degli immobili a seconda della loro posizione nella città. Varrebbe la pena controllare anche i siti "Immobiliare.it" e "Subito.it" dove, oltre alla descrizione e alla fotografia degli immobili, si trovano anche le piantine dettagliate dei locali con l'indicazione precisa della zona di ubicazione dell'immobile.

see filename | Source (my camera) | Date see metadata | Author sailko Painted shop windowMap of Milano | Source http://wiki. openstreetmap. org/index. php/Mil
Repost 0
Published by danyteacher - in Case e Beni immobili
scrivi un commento
31 maggio 2011 2 31 /05 /maggio /2011 01:13

L'acquisto di una casa richiedere nella maggior parte dei casi la necessità di sottoscrivere un mutuo. Il nostro fisco prevede la possibilità di detrarre dall'imposta Irpef un importo pare al 19% delle spese relative agli interessi passivi, agli oneri accessori quali le spese notarili, l'imposta per la trascrizione o la cancellazione di ipoteca oltre alle quote sostenute per l'acquisto di una abitazione principale.

Per poter usufruire di questa detrazione si devono possedere alcuni requisiti. Prima di tutto è fondamentale che le spese sia sostenute esclusivamente per accedere ad un mutuo e che il soggetto che ha ottenuto il finanziamento sia residente in Italia. Il contratto del mutuo deve inoltre essere garantito da adeguata ipoteca su immobile.

L'unità immobiliare deve essere adibita ad abitazione principale, con intestazione al contribuente o a un suo familiare, entro un anno dall'acquisto del bene. La detrazione spettante non deve superare comunque l'importo di 3.615,20 euro, tale importo cambia a seconda della data in cui è stato stipulato il mutuo.

Infatti il limite massimo di detrazioni è riferito ad ogni contestatario per i mutui stipulati fino al 31 dicembre 1992, e a tutti i cointestatari del mutuo per quelli stipulati dopo questa data. La detrazione viene riconosciuta se il contribuente è anche l'intestatario del mutuo. Si ha anche la possibilità di detrarre per i mutui sottoscritti dopo il 31 dicembre 1992, la quota del coniuge a carico. Il contribuente perde il diritto alla detrazione per gli interessi ipotecari dall'anno successivo a quello in cui l'abitazione non viene più utilizzata come casa principale. Si ha diritto anche alla detrazione per gli interessi su mutui richiesti per effettuare interventi di recupero sull'abitazione.

Le condizioni per averne diritto riguardano la presentazione di documentazione che evidenzi gli interventi di manutenzione sia ordinaria che straordinaria, di restauro o di ristrutturazione edilizia. da effettuarsi o effettuata sulla casa principale.

I documenti dovranno essere conservati nel caso in cui gli uffici finanziari facciano richiesta di esibizione o trasmissione. Si devono conservare le quietanze di pagamento relative agli interessi passivi, una copia del contratto di mutuo dal quale risulti che la stipulazione è avvenuta per effettuare interventi di recupero e copia di tutta la documentazione che attesti le spese sostenute per effettuare i lavori. Per questo secondo tipo di finanziamento il limite massimo di detrazione di spese viene fissato in 2.582,28 euro.

new home for salekeys
Repost 0
Published by danyteacher - in Case e Beni immobili
scrivi un commento